Dante Alighieri - Vita Nova 09
Ciò che m'incontra, ne la mente more... (sonetto)

Ciò che m'incontra, ne la mente more,
quand'i vegno a veder voi, bella gioia;
e quand'io vi son presso, i' sento Amore
che dice: "Fuggi, se 'l perir t'è noia".
Lo viso mostra lo color del core,
che, tramortendo, ovunque po' s'appoia;
e per la ebrietà del gran tremore
le pietre par che gridin: Moia, moia.
Peccato face chi allora mi vide,
se l'alma sbigottita non conforta,
sol dimostrando che di me li doglia,
per la pietà, che 'l vostro gabbo ancide,
la qual si cria ne la vista morta
de li occhi, c'hanno di lor morte voglia.

(canta jorge teles)

Atualizado em ( 08 - 12 - 2013 14:04 )